Giampaolo Rugarli -  La Troga -  Adelphi, Milano ,1988

  Il commissario Pantieri, pacifico individuo piccolo-borghese (nulla del cogitativo e gaddiano Ingravallo) riceve una donnetta anziana che in preda a senile delirio lo mette sulle  tracce  di una fantomatica associazione criminale... la troga, contro la quale chiede protezione. Pantieri la licenzia senza darle retta. Ma ecco che la «troga» - formidabile ed equivoco termine ad indicare un po' tutto il nucleo misterioso del mondo, ora droga, ora toga, ora  trota, ora tregua ecc-, comincia a colpire. Viene sequestrato  l'onorevole Lauro Grato Sabbioneta, chiara figura-schermo dell'on. Moro. Ed ecco, sorprese, agnizioni, travestimenti, ma anche anagrammi, acrostici... In ultimo, lo show-down finale.

Ora, questa trama proliferante sembra suggerirci alcune domande: è possibile narrare le vicende italiane dell'ultimo ventennio? È possibile una ripresa romanzesca di  quella realtà italiana che Arbasino  (Un paese senza) ha felicemente indicato con l'espressione intrigante e «noumenica» come la «cosa italiana»?  È possibile  dar conto di un «Paese orribilmente sporco» (Pasolini) come  l'Italia democristiana?
Nell'ultimo ventennio ( 1970- 1990) sembra che «tutto» sia successo, sembra che il «romanzesco» si sia cosi bene infiltrato negli interstizi della realtà che qualsiasi romanziere che ne volesse dare una ripresa metaforica arretri impaurito, sovrastato dagli  «eccessi» di quella realtà stessa. Attentati, bombe, stragi, trame segrete, depistaggi, scandali, corruzioni, sequestri, assassini,  logge segrete, terrorismi ecc. La trama della cronaca e della storia italiana sembra  approntata da un romanziere delirante il  quale non  si preoccupa più di tanto di forgiare eventi e storie e delitti inverosimili - poiché sa che la realtà,da sola, si curerà di sopravanzare ogni fantasia, ogni inverosimiglianza. I contorni della realtà italiana si sono  dilatati inverosimilmente verso il romanzo gotico, il romanzo d'appendice, la spy-story, il giallo, insomma verso il «romanzesco» più smaccato, tanto da scoraggiare qualsiasi onesto romanziere che  si accollasse il modesto ufficio - tradizionalissimo però all'arte del narrare -  di rendere metaforici e letterari avvenimenti, personaggi, storie che il giorno prima erano pura e cruda realtà.

Giamapolo Rugarli ha voluto correre questo rischio e dall' impresa è riuscito vincitore dandoci  un quadro più  che  convincente dell ' «inenarrabile» cronaca italiana. Ed ecco approntare un plot il più  inverosimile possibile, anzi volutamente delirante, un'ottava sopra rispetto la realtà medesima, «eccessivo» quanto e forse più della realtà che intende mimare; « un bazar di uccisioni, di veleni, di inganni, di complotti, di travestimenti, di morti risuscitati, insomma di tutti gli ingredienti che largheggiano nel cinema, nella televisione, nei peggiori libri». Ma il nostro sregolato romanziere sa che «quegli ingredienti appartenevano sempre di più alla vita e sempre meno all'invenzione, perché una volta era la seconda che si sforzava di imitare la prima, mentre ora avveniva il contrario».
E dico «mimare» più che «raccontare» perché gli elementi della mimesi teatrale sono più acconci all'impresa - e all'autore presenti in tutta coscienza - più degli elementi diegetici tipici del romanzo. La realtà italiana si può al massimo mimare, rappresentare, più  che narrare o riassumere, sembra dirci l'autore. Ed ecco la necessità di partire il materiale narrativo in veri e propri «atti» (tre più il prologo e l'epilogo) al luogo dei capitoli, e di ridurre i personaggi a dramatis  personae, nell'intento dunque di darci il dramma in 5  atti del nostro recente quotidiano, del nostro drammatico presente.

Per spiegare l'Italia di questi anni  ci dice Rugarli  occorre un congegno il più teatrale  possibile, una superfetazione della realtà medesima, e, su questa delirante scena far muovere delle pure figure svuotate da ogni determinazione individuale, da ogni connotazione.  Occorrono;  un Commissario, un Procuratore, un  Cardinale, un Magistrato, un Banchiere, un paio di   Uomini Politici di Maggioranza, una Puttana, un Mafioso- Terrorista e poi  farli agire con grandi «movimenti di macchina» nel tentativo  disperato di cogliere nell'opera gli  eccessi della realtà mimata e nell'assoluta consapevolezza che  quest'ultima li travalicherà tutti...
Eppure anche se semplicemente denotati i personaggi, le  dramatis personae  sono delle maschere, delle figure, tragicamente reali, colte cioè infallibilmente nel loro  principio di individuazione realistico. Cosi veri e così «italiani». La Calenda, Ministro dell'Interno, calabrese, con un passato da dimenticare e un figlio adulterino; Lauro Grato Sabbioneta il prototipo del politico democristiano con le sue nefandezze e le sue aure da sacrestia; il procuratore Conti, losco uomo di intrighi, che si muove in atmosfere commissariali gaddiane ma che parla un romanesco repellente e degradato; il magistrato Biraghi, uno Stranamore di Lavinio, alle prese con deliranti progetti di annientamento dell'umanità; Pantieri, il personaggio-motore dell'azione, in  cui coincidono il «punto di vista» sia in senso narratologico  come in senso morale, dell'autore; il cardinale Meschia, ossessionato  giustamente, ma come sotto la pressione di idee coatte dagli articoli di Baget-Bozzo (quello socialista degli anni '80)  come dalla fame nel mondo; in ombra e meno riuscite le figure  femminili, ma qui il furbo autore si trova una via d'uscita:  «fosse stato uno scrittore, non sarebbe riuscito a confezionare un autentico personaggio di donna, colpa sua o colpa dell'imprendibilità  delle  donne».

Le riflessioni di Rugarli sparse lungo il dipanarsi della trama sono di una disperante lucidità. La politica e la criminalità sono pervase dalla stessa logica; la lotta politica è faida personale; il terrorismo non ha fatto altro che rendere impossibile ogni rivoluzione facendosi strumento delle perfidie e nefandezze della politica; l'opposizione non è più capace di immaginare idee - e d'altra parte «è impossibile vivere in un mondo senza idee, ma tutte le idee sono sbagliate».
La scrittura è tersa, trasparente, qua e là affiorano luccichii di metafore di inaspettata  e sontuosa eleganza.
Il meccanismo narrativo prescelto, l'inchiesta commissariale, si avvale di   item narrativo-descrittivi a forma di leitmotiv: l'inflazione, il caropatate, la musica di Ciaikovoskj, i ricordi della maestra Candiani, che ingraziosiscono l'affabulazione.
Tutto  il racconto si svolge in una Roma costantemente avvolta dalla pioggia, come la Los Angeles del film  Blade Runner, una Roma sfatta, assediata da automobili, extracomunitari e immondizie, coperta da uno spessore di mota non soltanto nominalistico.

Alfio Squillaci
( Milano 15 Novembre 1988)

<<<Ritorno all'Indice recensioni
L'apocalipse selon Rugarli
Le Monde 2 mars 1990



«La Sicile comme métaphore »  disait Sciascia. «L'Italie comme métaphore », répond Gianpaolo Rugarli, dans ce  curieux roman, inspiré par l'affaire Moro et par l'effervescence du terrorisme intérieur de la péninsule. Les années de plomb ont, bien sur, suscité quelques romans en Italie, à michemin entre le reportage, le pamphelet  et la politique-fiction. Ils n'étaient  guère convaincants: la realité l'emportait toujours, (...)

Il y a, dans ce roman sanglant, une tonalité trop rêveuse et trop fantasmatique pour qu'il pousse prétendre à une  analyse approfondie du terrorismo. L'inspirateur de l'organisation (victime présumée qui en réalité est le coupable) conclut: « Que voulez-vous donc que représente douze poignée de mort ? Les gens, après chaque massacre miniature et après chaque assassinat, finissait  par se sentir rassurés; nous enseignions à I'humanité à se satisfaire d'être vivant » Ce sont les sinistres limites du pouvoir des apprentis sorciers humains: ils n'ont, pour insuffler la conscience de la vie, qu'un moyen, la mort.
René de Ceccatty

Vedi anche ritaglio stampa in fondo pagina
o nel web Servizio fornito da FreeFind

La Frusta! Cerca nel Web
dal 31 ott. 2001
Giampaolo Rugarli durante una premiazione
Tell a friend about this page
Esempio 1

La troga, Giampaolo Rugarli Ordina da iBS Italia

Vedi anche: >>> Il buio di notte, lettura di Corrado Ruggiero

La luna di Malcontenta, Giampaolo Rugarli Ordina da iBS Italia

Giulia ha una relazione con un notaio, già sposato e già padre: dopo dieci anni di clandestinità, viene malamente scaricata. Non si rassegna e, pur di riconquistare l'amante, le tenta tutte. Ma le sue azioni non sempre sono sensate e su di lei si addensa il sospetto che abbia smarrito o stia per smarrire la ragione. Nella piccola casa editrice in cui lavora, a ogni eccentricità corrisponde una retrocessione: Giulia finisce per essere adibita al reparto in cui si mandano al macero i libri invenduti. La sua avventura sentimentale troverà uno scioglimento forse felice. Un vecchio magazziniere, che presiede al rito del macero aiuterà inconsapevolmente Giulia a ritrovare se stessa e a guarire dal suo mal d'amore.

Olevano, la patria romantica, Giampaolo Rugarli Ordina da iBS Italia

Centocinquant'anni fa Olevano era un borgo medioevale, perfettamente conservato, tra boschi di querce secolari. Oggi il progresso ha lasciato qualche segno, purtroppo, ma la cittadina conserva un suo fascino un po' arcano, e merita di essere conosciuta. Olevano, in provincia di Roma, al principio dell'Ottocento, e più tardi, fu meta degli uomini di cultura del tempo, basti ricordare fra i tanti Doré, Andersen, Schlegel, Tieck e i pittori romantici tedeschi. Pittore, ma americano fu anche Samuele Morse: sarebbe diventato celebre non per i suoi quadri, ma per il suo alfabeto. Una pièce teatrale ricorda l'esperienza di Teobaldo Horny, pittore romantico tedesco che visse a Olevano l'ultima parte della sua breve vita.

La Frusta Letteraria - Rivista di critica culturale on line