Luis Sepùlveda - Diario di un killer sentimentale - Guanda, Parma, 1998.

Un killer di levatura internazionale, immaginiamo  sudamericano, atterra a Madrid. Alla reception dell'albergo gli consegnano in busta chiusa l'"incarico": questa volta tocca ad un messicano trentacinquenne. Poco dopo riceve la notizia che la francesina bella e colta di cui è innamorato lo ha lasciato e si è involata con un tizio in Mexico. Seguono avvenimenti a ritmo accelerato che in un noir d'ambientazione internazionale  la vicenda si svolge fra Istanbul, Francoforte, Parigi, New York  è bene non riportare. Immancabile il colpo di scena all'ultimo capoverso dell'ultima pagina. Sepùlveda sa tenere il ritmo e intrattenere con grinta e ironia. Il suo libretto che si legge d'un fiato è indicato per coloro che nelle statistiche appaiono come lettori di un libro all'anno (affinché in un'oretta possano raddoppiare la media).
Alfio Squillaci



Search this site or the web powered by FreeFind

Site search Web search
dal 31 ott. 2001
Luìs Sepulveda
Esempio 1
La Frusta Letteraria - Rivista di critica culturale on line